Giorgio Boratto

Lo studio del clima e le sue cause

Lo studio del clima, ossia la climatologia, è divenuto cruciale per lo sviluppo o addirittura per la sopravvivenza della specie umana. Le variazioni climatiche hanno avuto un ruolo importante nella evoluzioni e nella diversificazione delle specie viventi. Sappiamo ad esempio della scomparsa dei grandi rettili dovuti ad una catastrofe nel cretaceo- terziario, circa 65 milioni di anni fa dovuto ad un probabile improvviso raffreddamento.
Non conosciamo molto sui diversi cambiamenti climatici intercorsi nelle varie epoche geologiche; certo è che con l’evoluzione degli ominidi e della diffusione sul globo terrestre della specie umana la correlazione con il clima diventa palese. Oggi sappiamo che le attività umane influiscono considerevolmente sulla composizione chimica dell’atmosfera perturbando i meccanismi che regolano la temperatura della Terra.
E’ stato accertato che con l”homo habilis’ inizia la trasformazione della natura da parte dell’umanità. Da quel momento la specie umana evolverà con la sua capacità di emanciparsi dal rigore del clima.

Il principale fattore umano che incide sul cambiamento climatico è l’aumento di concentrazione nell’atmosfera del gas serra e di particelle di aerosol, prodotto principalmente dalla combustione dei combustibili fossili, dallo sfruttamento del suolo e l’allevamento intensivo di animali, più altre cause. I gas serra intrappolano le radiazioni infrarosse vicino alla superficie, riscaldando il clima. Sono molteplici le prove che dimostrano che il fattore umano costituisca la causa principale dell’attuale cambiamento climatico.
Eppure malgrado l’accertamento delle cause di cambiamento climatico, dovuto all’incidenza umana, c’è chi ancora sostiene che non sia ancora scientificamente da dimostrare. Alcuni studiosi tipo Franco Prodi, Antonino Zichichi e Franco Battaglia affermano che i cambiamenti climatici sono sempre avvenuti e per questo non è detto che la responsabilità sia dell’uomo. Questi sono stati smentiti da rigorosi studi, ma la politica di destra li ha subito abbracciati sostenendo in larga parte che la scelta green in sostanza sia stata fatta dallo Stato leviatano che è contro le libere scelte individuali; insomma una battaglia contro la libertà. Ecco in sostanza la vera ragione del catastrofismo che minacciano gli ambientaliasti; quelli che la destra chiama ‘gretini’ con riferimento a Greta Thunberg.

C’è un libro del 2017 che illustra bene l’influenza dell’uomo sul clima: ‘L’uomo e il clima‘ di Bruno Carli. Con una analisi scientifica dettagliata questo libro spiega come dovremmo compiacerci del fatto che il clima con questo lungo periodo temperato abbia contribuito allo sviluppo della civiltà umana, ma altresì l’uomo stia causando una variazione climatica senza precedenti i cui effetti vadano ben oltre quello di interrompere il lento alternarsi delle glaciazioni.
La temperatura, l’estensione dei ghiacciai e l’innalzamento del livello del mare sono i principali cambiamenti osservati e tutti, coerentemente, manifestano variazioni che vanno nella direzione di un riscaldamento del clima‘.
Il libro si avvale dei rapporti dell’IPCC -una commissione scientifica nominata nel 1988 congiuntamente dal World Meteorological Organization (WMO) e dallo United Nations Environmental Programme (UNEP), due organizzazioni che appartengono alle Nazioni Unite e che si occupano rispettivamente di condizioni meteorologiche, clima e idrologia, e di politiche ambientali-. Nel 2007 l’IPCC ha ottenuto il premio Nobel per la pace, insieme al vice Presidente americano Al Gore, per l’impegno dedicato allo studio del cambiamento climatico.
Oggi possiamo considerare il problema del cambiamento climatico più che un problema scientifico un problema politico. Infatti è la politica che dovrebbe interessarsi alla risoluzione del problema e grazie alle varie COP (acronimo di Conference Of Parties) si è svolta la riunione annuale che ratifica la Convenzione Quadro dell’ONU sui Cambiamenti Climatici. Grazie a impegni politici si è riusciti a fermare il buco dell’ozono. Questo effetto si deve alla marcata riduzione nelle emissioni di CFC in atmosfera. Gli scienziati ipotizzano che, proseguendo con questa tendenza, il risanamento permanente del buco nell’ozono si avrà intorno al 2050.
Come vediamo se la politica si muove in modo coerente si possono avere dei risultati.

Il partito Europa Verde si muove per raggiungere gli obiettivi di salvaguardia del pianeta. Certo è che abbisogna di una forte massa critica da raggiungere con l’adesione e il conseguente voto politico e amministrativo.

Quali città inquinano meno?

Abbiamo visto nell’articolo precedente la città di Dubai; una delle città più inquinate del pianeta. Ora che l’inquinamento è un tema che investe sempre di più la nostra vita ed è diventato l’argomento più trattato da tutti, è bene far conoscere le città dove si respira l’aria più pulita.
Secondo il sito web travel365.it/ le 10 città meno inquinate del pianeta sono:
Copenaghen, Danimarca: la città con la pianificazione ambientale avanzata, con l’obiettivo di essere carbon-neutral entro il 2025-
Amsterdam, Paesi Bassi: la città con più biciclette al mondo e per questo offre la possibilità di percorsi protetti, rack e facili parcheggi-
Stoccolma, Svezia: è stata la prima città dell’UE a vincere il premio Capitale verde europea.
Vancouver, Canada: la città più pulita del Canada e una delle più pulite al mondo.
Londra, Inghilterra: Non ha solo ridotto le emissioni di gas a effetto serra, ma ha anche creato più spazi verdi.
Berlino, Germania: il nucleo della città è accessibile solo ai veicoli che hanno un adesivo indicante il soddisfacimento degli standard sulle emissioni. Emissioni controllate, città più pulite.
New York, USA: è la più verde città negli Stati Uniti nonché una delle più verdi del mondo! Inoltre, sfrutta alla grande il vasto sistema di trasporto pubblico.
Singapore, Repubblica di Singapore: è la città più verde dell’Asia, creando il suo primo Piano Verde, intorno al 1992. La città mira ad avere rifiuti zero in discarica entro la metà del 21° secolo.
Helsinki, Finlandia: la città ha lavorato sulla sostenibilità dalla fine degli anni ’50, con i programmi di efficienza energetica e un piano d’azione sostenibile, adottato nel 1992.
Oslo, Norvegia: La sua strategia, il Green Belt Boundary, comprende un programma per proteggere l’ambiente naturale dallo sviluppo selvaggio.

Niente Italia purtroppo in questa lista. E Genova? In quale posizione si trova?

In un articolo di genovatoday.it secondo un sondaggio realizzato da Legambiente con Ambiente Italia e Il Sole 24 Ore, lo scorso anno Genova si piazzava al 37esimo posto nella classifica delle 105 città capoluogo di provincia.
La classifica si basava infatti su 18 parametri che sono poi raggruppati in cinque macroaree: aria, acqua, rifiuti, mobilità e ambiente. Molto positivi i dati relativi all’offerta (sesto posto in Italia) e ai passeggeri (quarto posto) del trasporto pubblico, molto negativi invece quelli relativi alla raccolta differenziata (95esimo posto) e alle vittime della strada (104esimo). Nonostante il grande sforzo del Comune rimane comunque molto indietro sulle piste ciclabili la nostra città con l’87esimo posto tra le 105 città prese in esame. Genova spicca anche per il tasso di motorizzazione (terzo posto in Italia), ovvero per quello che riguarda i mezzi circolanti ogni 100 abitanti.  Parte medio-bassa della classifica, infine, per quello che riguarda il verde pubblico: tra alberi, verde urbano, isole pedonali, solare e uso efficiente del suolo Genova si piazza tra il 53esimo e il 76esimo posto.
Come si osserva c’è molto da fare; anche se c’è stata un leggero miglioramento della posizione del 2020 quando occupava il 43esimo posto.
Per quanto riguarda Europa Verde Liguria ci sono proposte concrete per migliorare Genova:
La salute è il frutto di fattori ambientali, economici e socio-culturali. Una città dove si possa svolgere attività fisica e sport all’aperto senza avvelenarci di smog. Salute e qualità della vita sono peggiorate a Genova negli ultimi anni. Noi invece vogliamo una città a misura di bambino e senza barriere architettoniche: spazi di verde dove aggregarsi (quando potremo farlo in sicurezza). Pedonalizzare Via XX Settembre e istituire in città delle vere Zone 30 (Bologna ha iniziato ad istituirle) dove possano convivere in sicurezza gli automobilisti con i pedoni. Piste ciclabili, che attraversino Genova da levante a ponente e lungo le due direttrici delle Valli Bisagno e Polcevera, che non siano meri segni tracciati sull’asfalto ma garantiscano la necessaria sicurezza agli utenti. Concreto rilancio del Trasporto Pubblico Locale (magari con qualche linea gratuita) con l’obiettivo di ridurre l’uso del mezzo privato, cresciuto nuovamente dopo l’epidemia da Covid.

Il cambiamento climatico documentato in un video


C’è un video di Esquire che documenta il cambiamento climatico della Terra. Attraverso una animazione, che è rappresentata da una spirale, viene testimoniato il cambiamento climatico. Tutto inizia nel 1880 per arrivare al 2021; in questi 141 anni si può vedere come sia aumentata la temperatura globale.
A spiral of global surface temperatures from 1880 to 2021 – YouTube
L’autore del video è Ed Hawkins, uno scienziato climatologo che lavora all’Università di Reading nel Regno Unito. Questo video ha una componente drammatica e dovrebbe essere sempre più chiaro a tutti il grave momento cui stiamo andando incontro.

Nel mentre venerdì mattina 25 marzo, Fridays For Future sarà in piazza per sostenere la richiesta di un nuovo modello di sviluppo che salvaguardi l’ambiente. Insieme ci sarà la CGIL: «Quest’anno -dicono alla Camera del Lavoro- la manifestazione sostiene una causa in più, quella che vuole contrapporre la pace all’assurda guerra che si sta consumando in Ucraina. La guerra colpisce la popolazione inerme, causa morti e distruzioni e le sue conseguenze nefaste si ripercuotono sull’economia di quel paese e dell’intera Europa. Lottare per la pace significa salvare vite ma anche sostenere un nuovo modello di sviluppo che coniughi la sostenibilità ambientale e sociale con la pace e il disarmo».
Allora appuntamento a Genova per venerdì 25 marzo.




Diritti degli animali di Angelo Spanò

Un programma scritto dalle varie Associazioni animaliste della città di Genova ed ora ripresentato per le prossime elezioni amministrative. Il nostro volantino alla voce animali dice: ‘Un Comune amico degli animali: creare spazi verdi adeguati ed attrezzati dove poter lasciare correre liberamente i nostri amici a quattro zampe, sostenere concretamente tutte le Associazioni e privati cittadini che si prendono cura degli animali, domestici e non domestici (sostegno alle colonie e oasi feline). Promuovere incontri nelle scuole con rappresentanti delle Associazioni affinché agli alunni venga illustrato come rapportarsi con gli animali e rispettare tutti gli esseri viventi. Prevedere l’abolizione di tutti gli allevamenti intensivi e campagna per la drastica riduzione della carne nella dieta dei genovesi’.

Così l’articolo di Angelo Spanò prosegue con le proposte:

Ricostituzione dell’Ufficio Diritti Animali, il quale dovrà garantire l’applicazione del Regolamento vigente e favorisca un dialogo costruttivo tra associazioni animaliste e Comune.
Regolamento Comunale per la Tutela e il Benessere degli Animali.
Confronto con le associazioni animaliste per il miglioramento degli interventi stessi.(costituzione commissione animali con rappresentanze associazioni animaliste)
Tutela degli animali con accorgimenti tesi al contrasto della riproduzione e la vendita di animali fra privati non autorizzati, delle fiere di animali, della vendita ambulante di animali, dell’attendamento dei circhi con animali in città.
Rilancio dell’attività di prevenzione del randagismo del Canile Comunale al fine di promuovere le adozioni; intensificazione della promozione delle adozioni in canile.
Applicazione delle norme per la prevenzione del randagismo (in base alla normativa nazionale e regionale, nonché al Regolamento comunale), supportata ed integrata da ripetute campagne informative ed educative per una consapevole gestione degli animali d’affezione e per incentivare la sterilizzazione degli animali domestici di proprietà – quale unico strumento per contrastare il randagismo e il sovraffollamento nei canili – e l’adozione responsabile nei canili.
Uno sportello animali presso l ‘ufficio diritti animali a sostegno del canile municipale che si attivi e risolva in tempo reale le varie problematiche che si propongono quotidianamente (dai sequestri amministrativi, ai maltrattamenti, controllo di applicazione di un protocollo di intesa dei volontari, con corsi specifici di formazione a cura della stessa amministrazione.
Promuovere azioni informative ed educative per una consapevole gestione degli animali d’affezione e per incentivare la sterilizzazione degli animali domestici di proprietà.
Costituzione di un gattile.
Sostegno alle colonie e oasi feline.
Miglioramento ed estensione del servizio di pronto soccorso degli animali con l’attivazione del numero verde per emergenze di animali randagi e feriti.
Riqualificazione ed estensione delle aree verdi per cani e socializzazione per le famiglie che vivono con i quattrozampe.
Ripristino e consolidamento dei vincoli e delle azioni amministrative tese ad impedire la restituzione degli animali maltrattati ai contravventori, con l’istituto del recupero delle spese e delle sanzioni dovute.
(Area Metropolitana) Promozione di incontri con i sindaci della provincia sulla questione animali critici, attuazione di un tavolo tecnico con associazioni e figure professionali competenti in materia, finalizzato alla valutazione e alla messa in atto di sistemi Ecologici per il contenimento.
Interventi preventivi e informativi per una migliore convivenza con i piccioni, gabbiani, cinghiali, daini, caprioli ecc.
Istituzione della Commissione consultiva Comunale per i Diritti Animali con partecipazione attiva dei portavoce delle associazioni.
Rafforzamento del Divieto di utilizzo di fuochi artificiali, petardi, botti e qualsiasi tipo di artificio pirotecnico non silenzioso, sia per uso pubblico che per uso privato (ad integrazione e definizione del relativo articolo del Regolamento di Polizia Urbana).
Inserimento nel capitolato d’appalto di mense direttamente o indirettamente gestite dal Comune delle scelte alimentari vegetariana e vegana, adeguatamente bilanciate e variate.
Promozione di incontri nelle scuole di ogni ordine e grado con rappresentanti delle associazioni animaliste riconosciute, al fine di educare bambini e adolescenti ad un corretto rapporto con gli animali e al rispetto per gli esseri viventi.

Poi Angelo Spanò prosegue con le sue osservazioni e iniziative da attuare che sono state recepite anche dal volantino dei Verdi genovesi:

Genova fu tra i primi Comuni italiani a dotarsi di un Ufficio Diritti Animali, era ben strutturato e funzionale, venne approvato dal Consiglio Comunale uno dei primi Regolamenti a tutela degli animali, ripreso da molti altri Comuni, mentre oggi abbiamo un Ufficio che andrebbe potenziato e portato ai fasti di una volta. mentre alcune forze politiche inseriscono il tema dei diritti degli animali con l’unico scopo di rastrellare voti, noi desideriamo nei fatti un Comune che possa essere amico degli animali! Questo è stato e continuerà ad essere l’impegno concreto nei confronti di tutti gli animali. A nostro parere le azioni necessarie sono numerose, occorre creare spazi verdi adeguati ed attrezzati dove poter lasciare correre liberamente i nostri amici a quattro zampe, sostenere concretamente tutte le Associazioni e privati cittadini che si prendono cura degli animali, domestici e non domestici (sostegno alle colonie e oasi feline). Promuovere incontri nelle scuole con rappresentanti delle Associazioni affinché agli alunni venga illustrato come rapportarsi con gli animali e rispettare tutti gli esseri viventi.

DUBAI città della scissione

C’è una città che dà il senso delle contraddizioni; dà il senso di opportunità opposte: una per la visione di un habitat umano e futurista e dall’altra per gli sprechi e l’inquinamento…questa città è Dubai.

Dubai è la città della scissione fra umanità e natura e fra capitalismo e democrazia: un luogo dove c’è una Natura violentata dalla tecnologia e dagli sprechi ambientali; un luogo dove non c’è posto per la libertà d’opinione e i diritti fondamentali.

L’appuntamento internazionale di Expo 2020 Dubai – iniziato il 1 ottobre 2021 terminerà il 31 marzo di quest’anno- affronta i temi che affliggono il pianeta Terra e lo fa con la scelta di proteggere le risorse e preservare le energie. I principali argomenti sono: fonti rinnovabili, tecniche bioclimatiche, materiali riciclabili e riciclati, recupero delle acque ma, soprattutto, intelligenza artificiale. Tutto si dice per un domani migliore. Saranno 180 giorni di grandi eventi, manifestazioni, spettacoli, converti e giornate internazionali e molto di più…bene si direbbe solo che grattando un po’ la superficie scintillante della città scopriamo che Dubai è in vetta alla classifica come città più inquinata della regione e decima nel mondo. Il rapido sviluppo del Paese ha infatti portato ad un numero crescente di automobili in circolazione (da 740.000 nel 2006 a 1,4 milioni nel 2014 per avere un’idea) e ad un maggiore consumo di energia.

La costruzione di questa città maestosa, scintillante, lussuosa e surreale non tiene conto dell’alto prezzo energetico e ambientale che richiede tale opera. Altro che futuro verde: la creazione di isole artificiali, grattacieli sulla sabbia, impianti sciistici con neve in pieno deserto e senza una adeguata rete fognaria (vengono usati -pensate un po’- i pozzi neri ) per cui una lunga coda di camion spurgo investe tutti i giorni le strade, sono elementi che fanno di Dubai una città di spaventosa voracità energivora, nonché uno dei maggiori centri d’inquinamento mondiale.

Una fonte della situazione di spreco energetico e di emissioni dannose è il processo di desalinizzazione dell’acqua dell’oceano per fornirsi di acqua potabile. Per far vivere oltre due milioni di persone nel deserto c’è un bisogno enorme di acqua e trasformare l’acqua di mare in acqua potabile comporta conseguenze energetiche altissime con un’emissione di 4 tonnellate di Co2 ogni giorno nell’atmosfera rendendo per questo gli Emirati arabi il sesto paese al mondo per emissione di anidride carbonica.

Dubai in compenso è diventata la capitale del riciclo di capitali, dove non si pagano tasse dirette né sul reddito né sui profitti.

Questo è bene sapere di Dubai: la Disneyland del turismo globale. Una città da evitare sebbene registra ogni anno un forte incremento di affari e turismo.

Cambiare paradigma di crescita. L’occasione è storica

Questa guerra in Ucraina mette in risalto quanto sia fragile la nostra politica energetica; quanto risulti necessario attivare il principio dell’energia rinnovabile: quella che ci permette di prendere quello che la Natura può darci e gestirla sapientemente per avere ciò di cui abbiamo bisogno. Oggi siamo abituati ad un sistema dove l’imperativo è crescere; lo sviluppo ad ogni costo, il consumo soprattutto, anche se in termini di risorse il pianeta Terra non ce lo consente. E’ un sistema voracemente energivoro.
Con la situazione attuale siamo ad un bivio: o il crollo della civiltà così come la conosciamo o, con la guerra in corso, il ritorno al medioevo. La leadership politica di cui avremmo bisogno si è rivelata fallimentare: eppure servirebbe per raggiungere gli obiettivi di giustizia sociale ed eguaglianza come quelli ambientali, che l’impresa privata e il neoliberismo non sono in grado di garantirci…il mondo politico europeo e internazionale si è sempre più impegnato a comprare armi e a non affrontare in modo risoluto l’emissione di CO2 e la riconversione ecologica. La stessa COP 26 di Glasgow ha o aveva come obiettivi:
Azzerare le emissioni nette a livello globale entro il 2050 e puntare a limitare l’aumento delle temperature a 1,5°C.
Ad ogni Paese si chiedeva di presentare obiettivi ambiziosi di riduzione delle emissioni entro il 2030. Per raggiungere questi obiettivi ambiziosi, ciascun Paese doveva: accelerare il processo di fuoriuscita dal carbone; ridurre la deforestazione; accelerare la transizione verso i veicoli elettrici; incoraggiare gli investimenti nelle rinnovabili.
Così oggi è evidente la necessità di cambiare; cambiare sistema di approccio ai vari problemi. Per primo la guerra che non deve mai essere un atto per risolvere le controversie internazionali. La guerra è morte e rovina e si abbatte sempre sulle persone innocenti. Per secondo garantire una energia pulita e rinnovabile; questo era prevedibile malgrado gli addetti ai lavori dicessero che le energie rinnovabili essendo intrinsecamente aleatorie metterebbero a rischio la stabilità energetica del Paese. La verità è che i combustibili fossili petrolio, carbone, ecc. si siano rivelati molto più insicuri e fallimentari: chi non ricorda la crisi petrolifera degli anni ’70? Quella crisi portò a guerre, invasioni e sistemi estrattivi sempre più dannosi.
Quindi azzerare gli sprechi, consumare meno e limitare la crescita ad ogni costo sono le basi per un cambiamento che salvi il pianeta e ridia speranza all’umanità.

Giornata Internazionale della Donna un po’ più Verde

Perchè la mimosa è il fiore che si regala l’8 marzo in occasione della festa della donna?
Si chiama festa ma in realtà l’8 marzo si celebra la giornata Internazionale della Donna: una data per ricordare le conquiste sociali, politiche ed economiche delle donne di tutto il mondo, ma anche le discriminazioni e le violenze di cui sono state e sono vittime. Infatti questa data è stata scelta poiché l’8 marzo del 1908 un incendio divampato nella fabbrica Cottons di New York persero la vita ben 123 operaie donne e 22 operai maschi.
La prima donna che fondò la Giornata Internazionale della Donna fu Clara Zetkin nel 1910.
Clara Zetkin, attivista comunista e sostenitrice dei diritti delle donne, suggerì la creazione di una giornata internazionale. Nel 1910 presentò la sua idea a una Conferenza internazionale delle donne lavoratrici a Copenaghen e le 100 donne presenti – provenienti da 17 paesi- accettarono all’unanimità.
La “Giornata internazionale della donna”, nota anche come IWD in breve, è nata dal movimento operaio per diventare un evento annuale riconosciuto dalle Nazioni Unite.
l’8 marzo del 1946, a guerra terminata, fu la prima data della giornata della Donna stabilita in Italia anche con il primo statuto internazionale dell’ONU del 1945, dove si affermava il principio di uguaglianza tra i generi; le tre esponenti politiche Teresa Noce, Rita Montagnana e Teresa Mattei elessero la mimosa a simbolo di tutte le donne per celebrare questa giornata.
Da quel momento la mimosa e la sua simbologia continuò ad animare il movimento femminista.
La mimosa fu scelta anche come fiore per la sua fioritura che si ha proprio nel periodo di inizio marzo. Per questo le piante vengono prese d’assalto e spesso se ne mina la sua esistenza con rami strappati. Bisognerebbe prestare cura e trovare qualche altro sistema per la ricorrenza: trovare delle alternative, magari regalare delle piantine.
Ci sono molte specie di piante, che poi sono un ottimo modo per avere aria pulita in casa. Sì, le piante non possono mancare dalle nostre case; tra sempreverdi, piante fiorite, piante grasse e cactus si possono trovare vari modi per fare un regalo originale dai molti benefici. Poi la stessa mimosa si può regalare in forma di pianta. Ottima idea per una Giornata della Donna un po’ più Verde.






Articolo su La Repubblica del 5 marzo 2022

trasporti
I Verdi Fontanabuona subito il tunnel
I Verdi a favore del Tunnel della Val Fontanabuona. Possibilmente con una serie dì proposte aggiuntive, dal si a un parcheggio di interscambio nel tratto terminale al no al suo collegamento con il progetto della Gronda di Ponente. «Da più di quattro lustri i partiti che governano il paese, la Regione e i comuni interessali al progetto, a parole sono per dare il via libera — spiegano in una nota Angelo Sparlò co —portavoce metropolitano di Europa Verde — Verdi e Pierluigi Biagioni Europa Verde — Verdi area Tigullio — Ci chiediamo però una cosa: arriveremo mai ad assistere alla sua inaugurazione, oppure sarà ancora una volta tramandato ai posteri? Fatti, e noni soliti bla blabla». Per Spanò e Biagioni il progetto ideale su cui puntare, a patto che non resti “un sogno utopistico”, «sarebbe quello di vedere collegate, la Val Fontanabuona, l’alta Vai Bisagno e la Valle Scrivia con una linea a scartamento ridotto come quella della Ferrovia Genova Casella. Vale la pena di ricordare che dando il via libera a questo progetto ci sarebbero dei benefici per le aziende che operano in questa stupenda valle, anche perché non bisogna dimenticarci che quello dalla Val Fontanabuona è uno dei cinque poli manifatturieri della Liguria, non servito, però, da un’infrastruttura adeguata, senza contare che quest’opera potrebbe fare tornare ai fasti di una volta, l’Expo della valle». (mas.m.)

L’innalzamento della temperatura globale

La crisi climatica è iniziata con le azioni umane addirittura oltre un secolo fa. Con la rivoluzione industriale nel 1850 c’è stata un’emissione di gas serra sempre più persistente che ha portato ad un innalzamento del clima stimato in 1.1 gradi centigradi.
Se non interveniamo -come in accordo con il trattato internazionale di Parigi -arriveremo presto a superare il limite di 1,5 gradi. Comunque anche se riuscissimo a contenere il riscaldamento globale avremmo sempre uno sconvolgimento delle stagioni e le anomalie climatiche riscontrate in questi ultimi anni.
Il cambiamento climatico ha già un effetto significativo su piogge, vento, neve, scioglimento dei ghiacci e successivo aumento del livello del mare. L’emergenza attuale è il contenimento se non la cessazionbe dell’emissione del CO2. Comunque non bisogna disperare poiché la strada per diminuire e contenere il CO2 è stata intrapresa e bisognerà perseguirla costantemente.
Nel frattempo la conferenza COP di Glasgow dello scorso anno ha ribadito che si rispetti l’obiettivo, fissato a Parigi, di limitare il riscaldamento globale di 1,5 gradi entro il 2100 rispetto ai livelli preindustriali. All’ultimo minuto l’India è però riuscita, con l’aiuto della Cina, a introdurre una modifica per ammorbidire il riferimento alla fine del carbone.
C’è da pensare che anche l’attuale insensata guerra dichiarata dalla Russia all’Ucraina porterà senz’altro ad un rilascio di CO2 significativo nell’ambiente. La pace subito è la parola d’ordine per salvare soprattutto vite umane e ambiente. Il partito Europa Verde-Verdi è in prima linea per chiedere ciò.
Oggi tutti i partiti hanno -come dice l’amico Luigi Fasce- uno ‘sbaffo’ verde; una componente che guarda all’ambiente con un sapore che sa essere solo una presenza superficiale. Al momento solo il partito Europa Verde-Verdi ha nel suo DNA, nella sua politica il principale e unico tema ambientale.
Noi come partito Europa Verde-Verdi abbiamo anche una funzione di vigilanza politica che andrebbe rafforzata coinvolgendo sempre di più i cittadine ad aderire alla sua battaglia ambientale che è diventata vitale.
Per la città di Genova Europa Verde propone un Piano del verde attraverso un regolamento del verde pubblico e privato con adozioni e sponsorizzazioni del verde.
Dal volantino distribuito in questi giorni si afferma: ‘Un’area boscata migliora la qualità della città e dà un contributo fondamentale per ridurre l’effetto “isola di calore” dovuto a superfici urbane impermeabili come asfalto, strade, palazzi, aree industriali. Il verde, sia pubblico che privato, combatte l’inquinamento dell’aria da Polveri PM10 e PM2,5 causato da traffico autoveicolare e impianti di riscaldamento domestico‘.








WATERFRONT DI GENOVA: ALLARME SALUTE

WATERFRONT: ALLARME SALUTE
Europa Verde: massima allerta per evitare danni alla salute dei cittadini
Profonda preoccupazione suscita la notizia di stampa relativa al riscontro da parte di ARPAL di altissime percentuali di rifiuti petroliferi derivanti dagli scavi per realizzare il Waterfront effettuati attualmente nella zona di Piazzale Kennedy e davanti a Corso Aurelio Saffi. La quantità sembra essere enorme: si parla di 50mila metri cubi di terre inquinate.
Chiediamo l’applicazione rigorosa delle indicazioni previste dal Codice dell’Ambiente (Decreto legislativo 152 del 2006), con particolare riferimento alla Parte IV “Rifiuti e bonifica dei siti inquinati”: l’art. 184 distingue tra rifiuti urbani e rifiuti speciali. Questi ultimi sono suddivisi in rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi. Ovviamente una corretta classificazione richiede l’analisi accurata della composizione, che non può essere eseguita con un numero limitato di campioni in quanto la composizione potrebbe variare all’interno di questa vera e propria montagna di terre e materiali di risulta. L’art. 186 “Terre e rocce da scavo” poi ricorda che assolutamente è obbligatorio rispettare un elevato livello di tutela ambientale.
L’aria di Genova è già molto ammalata: polveri e ossidi di azoto sono i principali inquinanti. Genova è sotto Procedura di infrazione con riferimento ai superi dell’inquinante Ossidi di Azoto (NOx) ( Direttiva europea 2008/50/CE) Come si vede nel provvedimento della Regione Liguria del 9 novembre 2018 “Misure urgenti per la riduzione della concentrazione degli inquinanti nell’aria ambiente in Regione Liguria” responsabile del procedimento Maria Teresa Zannetti del Dipartimento del Territorio (responsabile Cecilia Brescianini).
Come già segnalato dai cittadini di Carignano e della Foce, oggi i problemi più grossi sono l’inquinamento da rumore (nervosismo, insonnia, problemi psicologici, difficoltà di attenzione, specie nei bambini) e da Polveri sottili (malattie respiratorie, cardiocircolatorie, tumori,ecc.): contro queste ultime la cosa più semplice è al momento una abbondante irrorazione dei materiali.
Ma il ritrovamento di idrocarburi nel materiale fa temere per l’immediato futuro problemi da Benzene (leucemogeno) e prodotti organici policiclici (tumori). Per questo trasporto e smaltimento dovranno avvenire nel massimo rispetto sia dell’ambiente sia della salute, che poi sono le due facce della stessa medaglia.
Bisognerà poi verificare se esista la presenza di inquinanti particolari: ad esempio le rocce amiantifere presenti in molti dei monti liguri e materiali contenenti asbesto (o amianto) sono stati usati molto spesso nei decenni passati proprio per riempimenti portuali.
Ma non dobbiamo dimenticare il grave pericolo che la parte inquinata del materiale finisca in mare, con compromissione dell’habitat marino e danni alla salute di animali e piante che vivono nel mare.
Europa Verde è e sarà a fianco dei cittadini genovesi che lottano per l’ambiente e per tutelare la salute loro e dei loro bambini,
Gianfranco Porcile
Presidente di Europa Verde – Verdi di Genova

La guerra produce morte e accelera la crisi ambientale

La guerra di Vladimir Putin crea un duro colpo anche alle politiche per l’ambiente. Si sa che la guerra è anche un grande serbatoio di emissioni nocive all’ambiente; ma poi diventa responsabile per un ritorno indietro degli obiettivi fissati per il cambiamento climatico: si riparla di carbone, di trivelle, di petrolio, di costi aumentati su tutta l’energia…e quella alternativa e sostenibile viene abbandonata. Questo sarebbe un motivo in più per dire no alla guerra.
In un articolo di Angelo Bonelli, del partito Europa Verde-Verdi, sul quotidiano Domani rimarca: ‘In tempi di guerra, ci dimentichiamo dello stato di salute del nostro pianeta e del collasso a cui stiamo andando incontro con il cambiamento climatico essendo il metano un gas climalterante a forte emissione di CO2.  Draghi in parlamento ha detto che potremmo riaprire le centrali a carbone. Eppure sarebbe possibile da subito costruire una politica energetica di pace, puntando sulle rinnovabili e sull’efficienza energetica. Nei prossimi due anni potremmo dimezzare l’utilizzo del gas per la produzione di energia elettrica se puntassimo sulle rinnovabili e questo è stato confermato pochi giorni fa anche dall’amministratore delegato di Enel Francesco Starace‘. Quindi invece potremmo invece trovare in questa crisi una opportunità positiva.
I Verdi dunque saranno presenti nelle manifestazioni per dire NO ALLA GUERRA. Una follia in tutti i sensi.
Desta anche attenzione e preoccupazione la battaglia svolta attorno alla centrale nucleare dismessa di Chernobyl: questo resta un mistero anche se il Ministero della Difesa russo ha dichiarato che è stato fatto l’attacco alla centrale e alla sua occupazione da parte delle forze russe per non provocare incidenti nucleari da parte dei nazionalisti ucraini. la realtà è che ci sono 15 reattori nucleari operativi in Ucraina e se i reattori si trovano nel mezzo di un conflitto o di una guerra, non possono essere semplicemente abbandonati. Questo impone di evitare con urgenza questa possibilità. Secondo gli esperti, “la guerra potrebbe portare ad un disastro simile o peggiore del crollo del reattore di Chernobyl del 1986.
Bisogna anche rimarcare che la Storia non insegna mai abbastanza e Putin -quello che si dice il nuovo zar- ha sbagliato i conti: la guerra contro l’Ucraina sarà lunga e alla fine dimostrerà ancora una volta l’inutilità e la follia della guerra. Le ultime guerre lo hanno dimostrato: dal Vietnam all’Afghanistan, le grandi potenze hanno dimostrato l’insensatezza delle medesime. I sentimenti patriottici alla fine prevarranno su un esercito agguerrito. Una lunga fase di logoramento farà ricredere sulla presunta sicurezza dei confini russi oggi vantata da Vladimir Putin.
Poi bisogna ricordare che la fase finale del collasso dell’Unione Sovietica ebbe luogo con il referendum in Ucraina del 1º dicembre 1991, in cui il 90% dei votanti optò per l’indipendenza. I leader delle tre repubbliche slave (Russia, Ucraina e Bielorussia) concordarono di incontrarsi per una discussione sulle possibili forme di relazione. Il giorno di Natale successivo con le dimissioni di Gorbacev da Presidente dell’Unione Sovietica venne conferito il potere al Presidente della Russia Boris Eltsin. Nello stesso momento fu ammainata la bandiera sovietica sopra il Cremlino e sostituita con il tricolore russo. Il Soviet supremo denominato URSS si dissolse formalmente il giorno seguente: 26 dicembre 1991. Oggi a distanza di 20 anni l’Ucraina viene invasa. Putin vuole iniziare una nuova storia che io penso lo porterà a rivedere il suo potere incontrastato.

Un principio fondamentale per la salvaguardia ambientale è: Zero Rifiuti.

C ‘è un principio di Zero Rifiuti, in inglese Zero Waste, che ha in Italia un insegnante di italiano, Rossano Ercolini, insignito per i suoi sforzi su questo tema del Goldman Enviromental Prize nel 2013, considerato il Nobel per l’ecologia. Il tema dei rifiuti e i rischi per l’ambiente che questi comportano anche con l’incenerimento degli stessi andrebbe messo sempre in primo piano.
Le città sono diventate sempre più produttrici di rifiuti e il problema di come affrontarlo non porta mai a soluzioni utili per l’ambiente. Lo spreco, l’usa e getta che ha fin qui rappresentato il progresso ci ha condotto al capolinea. Abbiamo imboccato una strada senza sbocco. Per questo occorre una rivoluzione ecologica. Per diffondere questo Rossano Ercolini ha scritto un libro: ‘Il Bivio- Manifesto per la rivoluzione ecologica’.
Durante l’epidemia, quando eravamo tutti chiusi nelle nostre case, e le macchine quasi non circolavano più, e molte fabbriche si sono dovute fermare, e abbiamo mangiato a casa, e non abbiamo gettato rifiuti per strada e nelle falde acquifere, il mondo quasi non assomigliava più a quello di prima. I fiumi, persino il Sarno, il più inquinato del Paese, sono tornati puliti, nei porti sono tornati i pesci, l’aria si è fatta più pulita anche nelle città più inquinate come Milano e nei grossi centri industriali, dappertutto si è respirata un’aria nuova. Ma adesso cosa succede? Per Ercolini non bisogna tornare a come eravamo prima. E’ ora di cambiare rotta. E’ ora di fare meno rifiuti.
La gestione dei rifiuti è un tema complesso, che ha tra i suoi capisaldi quello della raccolta differenziata. Uno strumento cruciale per ridurre sprechi e inquinamento, ma che in molte parti d’Italia viene utilizzato meno di quanto previsto per legge.
In Italia, i dati più recenti relativi al 2018, i rifiuti urbani oggetto di raccolta differenziata costituiscono il 58% del totale. Questo significa che siamo ancora lontani dall’obiettivo europeo fissato, il 31 dicembre 2012, al 65% di raccolta differenziata.
Ma in che condizione è la Liguria? La raccolta differenziata 2020 sul territorio ligure à pari al 53,46. Ritornando ai dati sulla raccolta differenziata, la Provincia della Spezia consolida il suo primato con una raccolta differenziata arrivata al 74,18%, seguita dalla Provincia di Savona, al 62,42%, in lievissima flessione rispetto al 2019. La Provincia di Imperia resta praticamente stabile al 53,11%, mentre la provincia con la più bassa percentuale di raccolta differenziata resta sempre la Città Metropolitana di Genova, pur salita al 45,04%, con un lieve incremento rispetto all’anno precedente. Genova resta il fanalino di coda di risultati complessivi veramente scarsi. Complessivamente poi la Liguria resta con i risultati tra i peggiori in Nord Italia.
A questo proposito è stata istituita, il 28 gennaio dalla Giunta regionale della Liguria, una nuova Agenzia regionale in materia di gestione integrata dei rifiuti che entrerà in vigore nel 2023. L’istituzione dell’Agenzia dei rifiuti, secondo Giampedrone,- assessore regionale al Ciclo dei Rifiuti – ‘…vuole servire a superare la ritardata realizzazione degli impianti e anche la situazione di bassa raccolta differenziata in città, grazie al superamento della frammentazione tra le Province e al suo ruolo forte che le consentirà di prendere decisioni superando la necessità di accordi su base locale sia per quanto riguarda gli impianti sia il servizio, dando così una svolta al sistema’. Speriamo bene.
Le premesse non ci sono proprio. Manca una politica seria e incisiva sui rifiuti che premi chi ne fa meno e faccia pagare chi inquina. Il Partito di Europa Verde di Genova poi avanza anche la proposta di una vera Campagna di educazione del cittadino volta prima di tutto alla riduzione e riciclo dei rifiuti (diminuzione degli imballaggi specie in plastica, mercato del riuso e dell’usato, riparazione piccoli e grandi elettrodomestici, ecc.) e, in seconda istanza, alla raccolta differenziata che dovrà essere realizzata con il sistema “Porta a porta” con sperimentazioni sempre più vaste. Ecoisole, compostaggio domestico, raccolta dei RAEE, ingombranti, ecc.

La nostra Costituzione ora è più VERDE

Si deve certamente rimarcare con soddisfazione l’entrata nella nostra Costituzione del tema ambientale.
Lo scorso 8 febbraio è stata definitivamente approvata dalla Camera dei deputati, con 468 voti favorevoli, la proposta di legge costituzionale che modifica e integra gli articoli 9 e 41 della nostra Carta. Il primo dei due, che riguarda la ricerca, la cultura, il paesaggio e il patrimonio artistico, viene così integrato: “La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione. Tutela l’ambiente, la biodiversità e gli ecosistemi, anche nell’interesse delle future generazioni. La legge di Stato disciplina i modi e le forme di tutela degli animali”.
Mentre il secondo nel seguente modo: “L’iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana, alla salute, all’ambiente. La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l’attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali e ambientali”.
l’attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali e ambientali.
Queste modifiche e integrazioni in funzione ambientale sono: ‘parole fondamentali per la vita del pianeta. Così ora abbiamo una Costituzione più verde.’; così commenta Stefano Ciafani presidente nazionale di Legambiente.
Interessante a questo proposito l’intervista di Interris.it – Quotidiano Digitale fondato da don Aldo Bonaiuto- a Stefano Ciafani.

Ecco l’intervista

Qual è la portata di questa modifica ai due articoli della Costituzione?
“Si tratta di svolta epocale. Entrano nella carta che guida le istituzioni della Repubblica italiana le parole fondamentali per la vita sul pianeta. Settant’anni fa si era inserita la tutela del paesaggio, ora se ambiente, biodiversità ed ecosistema sono entrate a pieno titolo nella Costituzione è anche merito lavoro fatto dalle associazioni ambientaliste e dai cittadini in questi decenni”.

Riguardo i reati ambientali, quali passi avanti deve ancora fare il nostro Paese?
“Abbiamo impiegato 21 anni per inserire nel codice penale i reati contro l’ambiente come l’inquinamento ambientale, l’omessa bonifica, il traffico rifiuti radioattivi, con tutto quello che ne consegue in termini di indagini. Da alcune legislature chiediamo anche che siano inseriti i delitti contro la fauna e la flora protette, resi ancora più urgenti dall’inserimento della tutela della biodiversità nella nostra Carta. Con queste modifiche e integrazioni ai due articoli della Costituzione, si potrà inoltre ridurre una distorsione strumentale nel discorso sulla tutela del paesaggio, portata avanti da alcune sigle ambientaliste che sostengono che con gli impianti eolici o l’agrivoltaico si deturpi il paesaggio. Adesso i progetti che vanno nella direzione delle fonti di energia rinnovabile andranno fatti rispettando la tutela dell’ambiente entrata nella Costituzione. Giusto per fare un esempio, il più bell’impianto fotovoltaico è stato realizzato in Città del Vaticano sul tetto dell’Aula Paolo VI, perfettamente integrato, e si può vedere dalla cupola della basilica di San Pietro. Gli impianti delle rinnovabili si posso installare bene anche in luoghi pregiati”.
La piattaforma Borghi, di cui fa parte Legambiente insieme alle associazioni Unione nazionale Pro loco Italia, Borghi più belli d’Italia e Touring Club Italiano, critica del governo di suddividere in due bandi i fondi del Pnrr previsti per i borghi nell’asse “Intervento 2.1 – Attrattività dei borghi”.  Quali sono i motivi?
“Le nostre perplessità riguardano la prima linea di finanziamento: 21 progetti a cui sono assegnati, ciascuno, 21 milioni. Riteniamo che si sarebbero potute stanziare quelle risorse ampliando la platea di borghi. La seconda linea di finanziamento ha una distribuzione più ampia, si parla di 229 piccoli comuni – anche questi nel nostro Paese sono 5mila. I piccoli comuni sono realtà importanti, dove convivono tradizioni e innovazioni. Noi per esempio rilasciamo gli attestati di “comuni ricicloni”, “comuni rinnovabili” “comuni ambasciatori del territorio” e altri ancora. Ma sono anche le realtà più svantaggiate. La legge sui piccoli comuni del 2016 garantisce i servizi minimi per evitare l’ulteriore spopolamento dei borghi. Se vogliamo fare anche un’operazione di ripopolamento, dobbiamo portare quei servizi come gli uffici postali,  farmacie, trasmissione ultraveloce dei dati”.

Pochi giorni fa è stato l’anniversario dell’entrata in vigore del Protocollo di Kyoto, l’accordo sulla riduzione delle emissioni di gas serra. A quasi vent’anni,  quali sono i risultati raggiunti?
“E’ stato il primo grande accordo a livello internazionale tra Paesi industrializzati, fortunatamente poi gli accordi di Parigi del 2015 hanno ampliato la platea anche ai Paesi in via di sviluppo. Bisogna andare ulteriormente avanti nel processo di decarbonizzazione di tutti i continenti entro il 2050. I rapporti periodici dell’Intergovernmental panel on climate change ci avvertono che saremmo dovuti andare anche oltre quanto raggiunto a Parigi, cosa che le varie Cop che si sono succedute non hanno fatto. Urge lo sforzo di contenere l’aumento della temperatura del pianeta entro +1,5 gradi rispetto all’era preindustriale, altrimenti le conseguenze climatiche mettono a rischio le prossime generazioni”.

Il mio primo articolo per il sito dei Verdi della Liguria

Copertina libro

Voglio iniziare questa collaborazione al sito dei Verdi della Liguria ricordando il piccolo libro fatto da me con Luigi Fasce dal titolo Ecologia – L’albero genealogico. Questo opuscolo, come è scritto nella prefazione di Marco Boato: ‘è un sintetico itinerario per chi vuole addentrarsi in modo documentato nella “questione ecologica” in tutti i suoi molteplici e complessi aspetti(…)Proprio per questo motivo, gli autori si sono impegnati a ricostruire con un linguaggio rigoroso, ma semplice e di immediata comprensione per chiunque, un percorso storico e intellettuale che aiuta a districarsi in un maremagnum, nel quale altrimenti sarebbe difficile orientarsi’. Vero!

L’argomento ecologico è oggi all’ordine del giorno e i disastri climatici l’hanno fatto assumere a livello mondiale come la prima emergenza da affrontare. Il titolo sempre della prefazione di Marco Boato reca la dicitura: La Terra ci è data in prestito dai nostri figli. Colpito! L’emergenza ci carica di una grande responsabilità che investe tutti. Questo bisognerebbe tenerlo presente in ogni momento. Il libro Ecologia-l’albero genealogico, con uno scopo oserei dire didattico, si propone di acquisire quella cultura necessaria ad affrontare il tema ambientale, senza la quale ogni scelta risulterebbe insufficiente.

Occorre poi tutto l’impegno, che per il partito Europa Verde-Verdi si traduce in militanza, con uno sforzo continuo a far camminare le idee e la lotta per salvaguardare l’ambiente.

La nostra presenza è sempre più richiesta e si spera che aumenti sempre di più.

Con questa nota che è un auspicio, inizio questa serie di articoli per il sito del Partito Europa Verde-Verdi della Liguria. Sempre con lo spirito evocato voglio ringraziare Simona Simonetti per la sua competenza senza la quale non avremmo questo prezioso spazio aperto.

Buon lavoro a tutti!